mercoledì 22 giugno 2011

La mano aperta

Quel che è, è, e non esiste un altrove.
Le tue parole - sono. Se esistesse un sangue primoriale, una fonte selvatica e tremenda che sgorga dalla terra e non dalle ferite, le tue parole sarebbero questo: spaventose e rassicuranti, nutrimento e pericolo.

Nessun commento:

Posta un commento