giovedì 3 giugno 2010

tempus tantum

Il tempo, dopo l'amicizia, è la seconda parola chiave.
Ita fac, mi Lucili: vindica te tibi, et tempus quod adhuc aut auferebatur aut subripiebatur aut excidebat collige et serva. ... Omnia, Lucili, aliena sunt, tempus tantum nostrum est
Fa' questo, caro Lucilio: rivendica a te stesso la tua libertà, e del tempo, che finora ti veniva estorto o sottratto, o che scivolava via, fai tesoro: tutte le altre cose sono possesso altrui, l'unica cosa che veramente ci appartiene è il tempo della nostra vita.
 ... diceva Seneca, che non invitava affatto a risparmiarlo, ma a rivendicarlo. Che vuol dire, fra l'altro, pretendere che ogni ora sia significativa, e considerare un'estorsione un lavoro in cui non hai il controllo di quello che fai, del suo scopo e del suo prodotto, a qualunque prezzo quel tempo che non è più tuo sia venduto (e quando abba Marx parla di sfruttamento e alienazione parla di questo, non di povertà).

Nessun commento:

Posta un commento